Pino Ferroni | I Tre Tesori nel Bioenergetic-shen Treatment®
629
post-template-default,single,single-post,postid-629,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge-child,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

I Tre Tesori nel Bioenergetic-shen Treatment®

I Tre Tesori dell’essere umano hanno importanza nella medicina interna taoista.

I Tre Tesori sono: Jing (Essenza), Qi (Energia) e Shen (Spirito).

Essi si riflettono nei Tre Dan Dien in cui si coltivano cose prezioso (Dan, il cinabro o solfuro di mercurio) e le sostanze preziose in essi custodite sono i Tre Tesori. Avremo un Dan Dien inferiore (Jing), uno mediano (Qi) e uno superiore (Shen).

Jing

Il carattere Jing è costituito nella sua parte di sinistra dal radicale “riso”, che è presente anche nel carattere Qi, ma come riferimento alla trasformazione del cibo in energia, mentre in questo caso il riso è legato al suo essere seme, alla promessa di una nuova germinazione.

Nella parte destra troviamo un carattere, sheng, che significa crescere e rappresenta una pianta che esce dal terreno e si eleva in alto e da un elemento inferiore, dan, che significa cinabro, l’elemento essenziale per le trasformazioni operate nel crogiolo della medicina alchemica taoista.

Il carattere nel suo insieme indica quella sostanza che nutre, fa crescere e vivere il corpo intero.

Il Jing perciò è all’origine della vita e viene tradotto con “essenza” o “quintessenza” e si concentra nel ventre e nel sistema uro-genitale.

Al momento del concepimento, l’unione dei due Jing riproduttivi dei genitori si combina con il Qi e lo Shen cosmico. In tal modo la vita non è solo frutto dell’uomo, a essa partecipa l’universo intero, in un evento corale, cosmico e non solo umano.

Quando il Jing innato è esaurito, manca la materia prima della vita stessa e il corpo cessa di funzionare. Al Jing genitoriale si aggiunge il Jing acquisito che deriva da una giusta alimentazione e da una buona respirazione. Per poter sostenere al meglio il Jing innato è necessario assumere alimenti ricchi di Jing e respirare aria pura. Gli alimenti più ricchi di Jing sono quelli più freschi e maggiormente dotati di vitalità: frutta maturata sull’albero, vegetali appena colti, i semi, ecc.

Qi

Quando parliamo dell’uomo, parliamo di un Qi individuale, che può assumere vari nomi a seconda della funzione che svolge.

Inteso come uno dei Tre Tesori, Qi ha sede nel petto e nella cassa toracica.

(Rispetto al Jing, denso e profondo, il Qi è leggero, luminoso e vaporoso, per questo si associa agli organi del petto: il Cuore e il Polmone).

Più precisamente parliamo del Qi postnatale prodotto dalla sintesi e unione del Qi alimentare con il Qi respiratorio. Esso deriva dunque dall’attività di stomaco, milza e polmone e si accumula al centro del torace.

Nel petto risiedono il Cuore, l’imperatore che dirige i Soffi secondo il suo volere e il Polmone che è il Maestro del Qi; è quindi logico che proprio questa sia la sede in cui trovano armonia i diversi Qi del Cielo Posteriore.

Shen

Lo Shen è legato al Jing e alla vita fin dal suo esordio, tanto che il venire meno di Jing e Shen determina la morte.

Anche se lo Shen si distribuisce in ogni parte del corpo con il sangue, esso è particolarmente concentrato e rappresentato nel cervello; per questo al cervello sono associati pensiero e intelligenza, proprietà che appartengono allo Shen.

Al Cuore si è attribuito il nome di Piccolo Shen e al cervello quello di Grande Shen. I due Shen sono parte della stessa entità e devono essere in comunicazione tra loro. Il Piccolo Shen appare maggiormente legato alla individualizzazione, il Grande Shen al pensiero, all’elaborazione delle esperienze, alla possibilità di raggiungere l’illuminazione.

Questa premessa ai Tre Tesori serve per comprendere il significato delle tre serie del Bioenergetic-shen Treatment®:

  • a prima serie, lenta e profonda è correlata allo Jing, ai ricordi rimossi, ai miotomi, alla corazza muscolo-caratteriale;
  • la seconda serie, più superficiale, è correlata al Qi, ai dermatomi, alla estrinsecazione dei ricordi, alla capacità di respirare più liberamente, anche in senso simbolico;
  • la terza serie, aerea e superficiale, è correlata allo Shen, alle cellule sensoriali dell’epidermide, al cervello limbico e alle emozioni affettive (carezze).

Le tre serie del Bioenergetic-shen® sono la realizzazione dei concetti della Scuola Meridionale della Realtà Completa, detta anche dell’Illuminazione Progressiva o dell’Illuminarsi vivendo la vita.

La Scuola Settentrionale della Realtà Completa, detta anche dell’Illuminazione Improvvisa o dell’Illuminazione attraverso la Meditazione è chiamata Scuola dello Jing-Shen. Come si vede non c’è una progressiva presa di coscienza da parte del praticante, ma avviene in modo diretto, più immediato.

Noi la realizziamo con i “massaggi liberi” che devono essere una vera e propria meditazione sul corpo, utile sia a chi lo fa, sia a chi lo riceve.

Quando prendiamo una persona in “percorso” utilizziamo la sequenza per ammorbidire la sua corazza, per far sì che si riappropri della capacità di esprimere i suoi bisogni, di essere nuovamente capace di vivere pienamente le sue emozioni e poi, con la personalizzazione del percorso che sono vere e proprie meditazioni corporee da parte dell’Operatore, si realizzano i dettami della Scuola Settentrionale, lo Jing-Shen.

A questo punto sappiamo che con le tre serie e i “liberi” stiamo realizzando il grande percorso descritto dall’Wu Zhen Pian, il grande libro della Realizzazione taoista, il quale insegna a coltivare la Vita mentre si coltiva l’Essenza.