Pino Ferroni | Diploma di Naturopatia – Rossana Salomoni
6
post-template-default,single,single-post,postid-6,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge-child,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Diploma di Naturopatia – Rossana Salomoni

“Mia cara, nel bel mezzo dell’odio ho scoperto che vi era in me un invincibile amore. Nel bel mezzo delle lacrime ho scoperto che vi era in me un invincibile sorriso. Nel bel mezzo del caos ho scoperto che vi era in me un’invincibile tranquillità. Ho compreso, infine, che nel bel mezzo dell’inverno, ho scoperto che vi era in me un’invincibile estate. E che ciò mi rende felice. Perché afferma che non importa quanto duramente il mondo vada contro di me, in me c’è qualcosa di più forte, qualcosa di migliore che mi spinge subito indietro”.
Questa poesia di Albert Camus dipinge i miei primi tre anni di percorso a Scuola, la prima tappa di un lungo viaggio come pellegrina di me stessa.
Mi chiamo Rossana ed ora il mio nome descrive una persona che sto conoscendo e amando. 
Se ripenso a come vivevo tre anni fa, mi sembra sia passato tantissimo tempo, mi rivedo giovane, spaventata, insicura, inconsapevole delle mie emozioni ed incapace di viverle. 
Mi ricordo la sensazione che mi portavo sulle spalle di inadeguatezza, disagio e la mia sofferenza nel non saper esprimere il mio malessere ed il mio sentirmi quindi sola e sbagliata.
Poi un incontro con Pino Ferroni ed i miei compagni. E tutto ha iniziato a trasformarsi.
È incominciato tutto quando mi sono sentita compresa per la prima volta ed ho percepito che la sofferenza è sofferenza e ci accomuna e che si può desiderare insieme di stare bene con se stessi e con il mondo. Perché non importa quanto si sta male, si può stare sempre meglio. 
Per fare questo passo è stato necessario provare fiducia, la prima emozione che mi ricordo di aver sentito forte dentro di me. Fiducia nell’altro, fiducia in me stessa. E questo mi ha portato a sentire una forza pazzesca che non avevo mai percepito: amore. Amore incondizionato. È pura magia e bellezza. È esserci, è potenza.
Non è sempre stato facile, la mia mente e il mio corpo hanno spesso fatto resistenza, ho fatto fatica a concedermi di vivere tutto questo, perché è più facile restare fermi nei meccanismi che conosciamo. Ma ero certa che non fosse tutto li. I miei compagni di viaggio e Pino mi hanno fatto sentire che non ero sola, che ci erano già passati, che ne valeva la pena ed io mi sono sentita al sicuro e mi sono lanciata. Un’esplosione di libertà. La sensazione che la notte non è solo buio ma che c’è un cielo stellato e che prima o poi farà giorno, e che tutti ci stiamo cercando e ritrovando.
È un viaggio senza fine e questo meraviglioso incontro mi ha salvata (chissà cosa scriverò tra due anni). Mi ha permesso, e mi sono concessa, di sentire il mio cuore battere, di piangere disperata, di essere forte, di cogliere la bellezza che ogni giorno mi circonda, di iniziare ad essere autentica, onesta con me stessa, di gridare, di amare, di imparare a sorridere davvero. Di abbracciare. Di sentire il mio corpo e ciò che racchiude. Di perdonarmi per aver sempre pensato di non essere abbastanza. Di esprimere la mia creatività e scoprire ciò che mi piace e ciò che invece non fa per me.
“La vita ama chi ama la vita”: una delle prime frasi che ha detto Pino che ho messo subito nel mio bagaglio e che ora ha un senso, perché ora sento di amarla davvero la mia vita. Amo, sogno, credo. 

È tutto così diverso dopo soli tre anni. Vivo le mie emozioni. E penso che anche quelle brutte sono necessarie, anche se quando ci sei dentro non la pensi così. Ma una volta passate, come nuvole, ci troviamo diversi, cambiati, ed ho imparato che il cambiamento è sempre positivo.
Mi perdo, mi cerco e a volte mi trovo. Senza l’insegnamento di Pino e della Scuola non saprei chi sono, non avrei gli strumenti per affrontare il mio futuro e conoscermi continuamente sotto nuove prospettive.
Vorrei che ogni persona al mondo provasse queste emozioni. È come coltivare dentro al petto un invincibile estate. Ora sono qui con le mie ombre ma un’invincibile gioia dentro. Qualcosa di mio. Qualsiasi cosa mi riserverà questo viaggio mi porterà a sentire sempre amore perché ho fede nella vita, e quindi sarà meraviglioso. Quando guardo le persone che hanno iniziato questo percorso con me mi commuovo, perché siamo cresciute insieme e la persona che sono ora è merito anche loro ed io non li ringrazierò mai abbastanza.
Grazie Scuola di Naturopatia Umanistica® e grazie Pino  perché i miei occhi non sono più così tristi, perché tu li hai visti e mi hai sorriso.
Rossana