Pino Ferroni | Diploma in Naturopatia Umanistica® – Post di Eleonora Luzi
7
post-template-default,single,single-post,postid-7,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge-child,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Diploma in Naturopatia Umanistica® – Post di Eleonora Luzi

Quando mi è stato consegnato il foglio con scritto Master in Naturopatia Umanistica mi sono commossa, mi sono sentita libera di provare una profonda gratitudine verso me stessa, i miei compagni e gli Operatori della Scuola. Questo
foglio è il simbolo di un intenso lavoro interiore durato tre anni, a volte impegnativo altre emozionante.
Dal 2014 a oggi ho vissuto un periodo di grande introspezione che mi ha donato una nuova consapevolezza. 
Tutto ciò è stato possibile grazie a chi mi è stato accanto tenendomi per mano e lasciandomi libera di scavare interiormente per portare a galla i miei vissuti. Le prove quotidiane che superavo mi regalavano momenti di grande apertura emotiva.
Per la prima volta ho provato sentimenti di gratitudine e di timore nel sentire ciò che lentamente la mia Natura svelava, ovvero i segreti che celavo all’interno e che ora potevo finalmente liberare. 
Il contatto che ho avuto col mio buio interiore mi ha dato la possibilità di aprire un nuovo ciclo di vita e di sviluppo psicofisico; ho cercato di raggiungere le mie ombre per sentirle, conoscerle, portarle in luce e ogni volta era come tuffarsi in sé, tornare dentro per poi ritornare fuori e permettere alla luce di entrare. 
Non è facile questa sorta di ritorno dentro se stessi, soprattutto in un mondo che acceca e abbaglia con le sue luci esteriori. 
Contattare la nostra parte più profonda e ferita non è semplice, ma è lì che possiamo incontrarci veramente. 
Le cose importanti e fragili sono sempre protette, nascoste e custodite in profondità, al riparo e al buio, ma se vogliamo scoprire quel tesoro che abbiamo dentro dobbiamo calarci in noi stessi, accogliere le ombre, tornare in superficie e fare entrare poco alla volta spiragli di luce, solo così potremmo godere della nostra grande ricchezza. 
Eleonora