Pino Ferroni | Svuotare il cuore di Eleonora Luzi
10
post-template-default,single,single-post,postid-10,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge-child,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Svuotare il cuore di Eleonora Luzi

In questi anni, lo studio e il percorso in Bioenergetic-shen che sto facendo mi stanno portando a un nuovo modo di vivere, dove le cose accadono spontaneamente, sento sempre più spesso quella sensazione in cui tutto succede con naturalezza e semplicità, in cui gli avvenimenti sono sincronici e armoniosamente collegati tra loro.
È come se una sottile “Forza” o energia intelligente fosse presente in tutto l’universo e ora mi trovassi in modo consapevole all’interno di essa. 
Prima del percorso, era come se il fluire degli avvenimenti fosse continuamente interrotto dalle mie barriere, da ostacoli, oppure possiamo chiamarli desideri, passioni, accecamenti, attaccamenti. Queste energie che producevo riempivano il mio cuore e lo isolavano dal resto. 
La “Forza” che pervade ogni cosa provava a entrare nel mio cuore, ma era troppo pieno per entrare. Il cuore ergeva muri e la Forza cercava di buttarmeli giù per continuare a fluire. 
Il percorso mi ha aiutata a essere più consapevole, quindi ad accettare, ad accogliere anche quel fluire che non sempre rispecchiava ciò che volevo, mi ha aiutata a capire che per modificare qualcosa prima bisogna accoglierla e per fare ciò bisogna svuotarsi, creare spazio, eliminare il giudizio, togliere le pretese, ascoltare in modo reale, non trattenere per continuare ad essere liberi.

È una condizione di equilibrio, in cui non si è mai arrivati, ma sempre alla ricerca, non si è mai perfettamente vuoti e non è detto che una volta raggiunto l’equilibrio possa durare nel tempo, sta a noi allenarci per permettere alla Forza di fluire.
In sintesi Svuotare il Cuore per me è: accogliersi, abbracciarsi, partire da dove si è, cercarsi in se stessi. Non vuol dire essere capaci di cose magiche o impossibili, ma vivere semplicemente, senza aggrapparsi a stati d’animo, cose, persone, senza essere schiavi dei propri sogni, rimanere vuoti da giudizi, vuoti da credi eppure fedeli a se stessi. 
Sempre più spesso mi sento cullata da questa energia e vivo in accordo a essa, a volte, però succede che il cuore si riempia e i muri facciano presto a crescere, ma lei trova sempre il modo di sfondare gli argini
Basta solo guardare da una prospettiva diversa per accorgersi che in ogni scontro esiste un incontro con quell’energia, ed essa è lì per darci una possibilità, sta a noi saperla Accogliere.

                                                                                                Eleonora